Ultimo articolo:
~Streams of Whiskey~
by cente


Ultime notizie:
~Compleanno Papagayo~
by FDG


Controllate gli ultimi eventi!
...e partecipate!


Daunlod!
File ad alto tasso alcoolico

 

A PUB'S LIFE

!-- 2day's article //--

!-- cente 2005-01-08 //--


Archivio antichi articoli
"Promozioni @ Covo degli Sbronzi"


"Cronache di Paciughia -III"

"Cronache di Paciughia - II"

"Delle imprese d'armi e di boccali"

"Trinca trinca trinca..."


Uh, qui trovate l'archivio con TUTTI gli articoli vecchi, ma proprio TUTTI TUTTI TUTTI!

Streams of Whiskey

Non e' un fatto ignoto che molti ma molti artisti di fama interplanetaria abbiano volentieri intinto la loro penna d'oca (giuliva) nella loro bevanda alcoolica preferita, prima di usarla per tracciare segni in un certo qual modo comprensibili sulla carta.

Da cio' deduciamo illico et immediate come - ad esempio - agli italiani sia sempre piaciuto molto il vino, a inglesi e irlandesi il whiskey, agli americani la birra. Poi la globalizzazione e' intervenuta e la birra ha invaso tutto, mentre il vino e' stato relegato a sopraffino ingrediente di sbronze eleganti, tipicamente finalizzate a pranzi d'affari o a portarsi a letto qualcuna. Il whiskey sopravvive nelle ballate irlandesi e nei ricordi dei vecchi ubriaconi.

Percio' proprio da quest'ultimo negletto nettare degli Dei partiremo nel nostro viaggio.

Possiamo cominciare dagli irlandesi con la classicissima "Streams of whiskey" dei mai troppo lodati Pogues di Shane McGowan e con la stupenda "Whiskey in the jar" degli indimenticati Thin Lizzy (recentemente ripresa dai Metallica, ma sempre considerata un classicone), senza dimenticare la suggestiva "Moonshine whiskey" del sempre ottimo Van Morrison. Mi sovviene alla mente poi come esistano alcune opere minori di gruppi noti come "Whiskey on the rocks" degli australiani AC/DC e una "Take your whiskey home" dei Van Halen (vedi il primo articolo della serie) inclusa nel loro terzo album "Women and children first". Rimanendo in settore hard rock e' poi degna di nota "Whiskey drinkin' woman" dei Nazareth, ottimo ma sfortunato gruppo della prima era dell'hard rock anni 80. Un altro settore di interessante impiego e' il southern rock, genere sviluppatosi tra 70s e 80s nel sud degli Stati Uniti, per molti versi con venature piuttosto hard e contraddistinto dalla presenza quasi costante di tre chitarristi. In questo caso basta citare due gruppi alzabandiera per trovare titoli interessantissimi, alias "Whiskey rock-a-roller" e "Poison whiskey" parlando degli indimenticati e sfortunati Lynyrd skynyrd, ma anche "Whiskey man" degli ottimi Molly Hatchet. Tornando agli Anglici Lidi, e' il caso poi di ricordare "Whiskey train" dei Procol Harum (quelli di "A whiter shade of pale"...).

Da non dimenticarsi poi il principe degli sbronzi, Tom Waits, e la sua "Jockey full of bourbon". Ma di Tom Waits parleremo a dovere in separata sede...


Alla prossima.


Nunc est bibendum.


Cente
Attenzione: questo messaggio si autodistruggerà in dieci secondi... nove... otto... sette... sei... cinque... quattro... tre... due... uno... bum.

Cementino & Golosino (c) 2004/2006 -Enrico Clementel & Marco Agustoni - Articles by Carlo Mario Centemeri

Per gli insulti misti:
golosino (segninobuffo) covodeglisbronzi (puntino) it
cementino (segninobuffo) covodeglisbronzi (puntino) it
cente (segninobuffo) covodeglisbronzi (puntino) it