Ultimo articolo:
~Trinca trinca trinca...~
by cente


Ultime notizie:
~Compleanno Papagayo~
by FDG


Controllate gli ultimi eventi!
...e partecipate!


Daunlod!
File ad alto tasso alcoolico

 

A PUB'S LIFE

!-- 2day's article //--

!-- cente 2007-11-15 //--


Archivio antichi articoli
"Promozioni @ Covo degli Sbronzi"


"Cronache di Paciughia -III"

"Cronache di Paciughia - II"

"Delle imprese d'armi e di boccali"

"Trinca trinca trinca..."


Uh, qui trovate l'archivio con TUTTI gli articoli vecchi, ma proprio TUTTI TUTTI TUTTI!

Trinca trinca trinca...

Oggi riapriamo il capitolo dedicato al trash andando a recuperare un interessante episodio avvenuto negli anni sessanta.
Nel 1969, in Inghilterra, le radio cominciano a trasmettere una canzone intitolata "Lily the pink", interpretata da un trio chiamato Scaffold, nel quale milita Michael McCartney, fratello di Paul. Questa canzoncina e' strutturata a mo' di filastrocca, quasi di ballata (in ottima tradizione inglese), e racconta di questa Lily che ha inventato una medicina miracolosa ("The medical compound") che pero' invece che fare miracoli fa un sacco di danni: un tizio la prende perche' ha le orecchie a sventola e dopo due giorni riesce a volare con il solo aiuto delle orecchie, un altro lo prende perche' e' convinto di essere Giulio Cesare e tempo 24 ore si convince di essere a capo dell'impero romano, finche' alla fine non la prende anche Lily che ci rimane secca e si porta nella tomba il segreto, con grande sollievo di tutti. Nell'ottica inglese questa carneficina sembrava far molto ridere (misteri dell'umorismo inglese), tant'e' vero che in un'epoca in cui apparivano King Crimson e Pink Floyd questa canzoncina si fa la bellezza di 24 settimane nella top ten della BBC, di cui 8 al numero uno.

Misteri della vita.

Noi in Italia ovviamente fiutiamo l'affare (perche' il motivetto e' davvero divertente) e ne approfittiamo per appiopparla ad Antoine, cantante dal vago aspetto Bohemien che e' sbarcato in Italia l'anno prima.

Da dire che l'influenza di questo personaggio sul mondo musicale mondiale sara' tutt'altro che trascurabile, visto che introdurra' la moda dei camicioni a fiori da uomo, che durante il 68 e tempi successivi avranno un'importanza notevole.

Tornando a Antoine, i suoi primi due 45 giri usciti in Italia erano traduzioni di brani da lui lanciati in francese, peraltro piuttosto fedeli all'originale, e che avevano come oggetto argomenti di protesta e di critica alla societa': ma ovviamente, dato che da noi imperavano censura e commentatori, i risultati italici sono ben piu' edulcorati e smussati rispetto agli originali francesi.

Antoine diede quindi alle stampe tre 45 giri: il primo fu "Pietre" ("se sei buono ti tirano le pietre...", avete presente?) presentato nel Sanremo 1967, quello che fu funestato dal suicidio di Luigi Tenco, e il secondo fu "Le divagazioni di Antoine", dove nell'originale francese ogni strova iniziava con "Oh Yeah" ma che suonava ridicolo in Italia se cantato da un cantante con accento francese, e fu sostituito da un piu' consono "Ma Oui". Sul retro di entrambi questi 45 giri era presente un altro capolavoro di traduzione, "La felicita'", traduzione in chiave scioperistica-lavorativa di "Porquoi ces canons?", brano basato quasi su di una filastrocca "Perché questi cannoni? Per fare lavorare le fabbriche. Perché queste fabbriche? Per dare lavoro agli operai. Perché questo lavoro? Per guadagnare denaro. Perché questo denaro? Per comprare i cannoni", urlo lancinante, specie se considerato nell'ottica di protesta pacifista della beat generation.

Fatto sta che ormai Antoine "e' cosa nostra" e quindi possiamo rigirarcelo come vogliamo, probabilmente basandoci sul fatto che non capisce bene l'italiano, e gli diamo da incidere questo capolavoro, "La sbornia", che certamente fara' accendere una lampadina in tutti voi e il cui testo recita letteralmente:

Trinca, trinca, trinca
buttalo giu’ con una spinta
e vedrai
che bella [fe-esta.
La medicina
del mondo in rovina,
vai tranquillo,
e’ questa qua.

Galbusera
quando beve barbera
fa lo slalom
tra i lampioni.
A schivarli
tutti quanti son buoni,
lui invece
li sbatte giu’.

Sua cugina
beve solo benzina
e poi parte
come un razzo.
Ora a Monza
sta girando da un pezzo,
chissa’ quando
si fermera’.

Beatrice
usa la lavatrice,
suo marito
gliel’ha comprata
E quando beve
ha la sbronza frenata,
fatto il pieno
si ferma li’.

Il cognato
che beveva moscato
si e’ inciuccato
assieme al Marco.
Li han trovati
seduti nel parco
a progettare
rivoluzion.

Maria Rosa
ha la sbronza amorosa,
ogni fiasco
un fidanzato
Se cambia vino
l’ha bello e scordato
e mai nessuno
la sposera’.

Se il nonnino
beve un buon grignolino
sente il suono
delle campane.
Quindi sogna
le sbronze serene
che verranno nell’aldila’.

Trinca, trinca, trinca...

Poco tempo dopo, Antoine deliziera' ancora il mondo intero con "La tramontana", nota per i famosi versi "Mi piaccion nere, mi piaccion bionde,mi piaccion tutte le donne al mondo, e per il pizzo di una sottana perdo sempre la tramontana l’ho perduta e la perdero’.". Dopodiche' si mise a fare l'organizzatore di eventi nei mari del sud. Probabilmente perche' ha capito che qui rendere ridicola la gente e' uno sport diffuso, basta che faccia far soldi.

Ciaociao

Cente

Attenzione: il precedente messaggio su come depilare i gatti con il forno a microonde è frutto di una operazione di hacking al nostro sito. Non fatelo.

Cementino & Golosino (c) 2004/2006 -Enrico Clementel & Marco Agustoni - Articles by Carlo Mario Centemeri

Per gli insulti misti:
golosino (segninobuffo) covodeglisbronzi (puntino) it
cementino (segninobuffo) covodeglisbronzi (puntino) it
cente (segninobuffo) covodeglisbronzi (puntino) it